Schaffer

Schaffer

08
Jun 2011

Sample image

"Stefo Schaffer nacque il 15 maggio 1903 a Trieste, che era ancora parte dell'Impero Austro-Ungarico. Cominciò ad interessarsi ai giochi di prestigio all'età di dodici anni, dopo che un suo zio di Vienna lo aveva portato a vedere uno spettacolo del celebre Fregoli.

La magia lo affascinava, ma il severo impegno negli studi mise temporaneamente a tacere la sua passione latente. Frequentò il Ginnasio a Trieste e l'Uiversità a Padova, laureandosi in Fisica e Psicologia. Nel corso di una indagine su presunti di fachirismo, commissionatagli dal Prof. Zai, direttore dell'Ospedale Psichiatrico di Trieste, si riaccese in lui la passione per l'arte magica in forma così virulenta che, abbandonate le sue lauree, decise di dedicarsi alla prestigiazione come professionista.

Debuttò al Winter Garten di Berlino e proseguì con una lunga tournée in Germania. Nel 1935 debuttò al Palladium di Londra e successivamente all'Alhambra di Parigi, ove rimase per sei settimane. Ottenne poi grandi successi in Medio Oriente, in Egitto e in Kenia. Padrone di cinque lingue, sostenuto da una notevole cultura e dotato di grande comunicativa, bella presenza, signorilità e simpatia. Aderì al C.M.I. nel 1954 e nel 1955 venne eletto presidente. Nel 1957 fu nominato Presidente Onorario del C.M.I., continuando, con la sua presenza carismatica, a conferire il carattere di evento alle varie riunioni nazionali. Schaffer, uno degli ultimi testimoni del periodo glorioso della magia italiana, si spense a Trieste il 13 gennaio 1987".

La storia di Schaffer è tratta dal testo SPETTACOLO MAGICO di VINICIO RAIMONDI, edizioni La Porta Magica, 2000.

You are here: